Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il sindaco aquilano denuncia confusione ed inefficienza

Cialente si dimette da vicecommissario alla ricostruzione


Cialente si dimette da vicecommissario alla ricostruzione
22/09/2010, 14:09

L'AQUILA - Massimo CIalente, sindaco de L'Aquila, ha rassegnato le proprie dimissioni dal suo ruolo di vicecommissario alla ricostruzione post terremoto, con delega all'assistenza alla popolazione. La lettera è stata inviata sia al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che al commissario alla ricostruzione, il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi. IN essa sono spiegati i motivi della decisione: "(Essa) è dettata dal fatto che, in seguito alla nomina del nuovo vice commissario vedo un preoccupante accentuarsi dello stato di confusione, peraltro ripetutamente da me segnalato, e difficoltà nella governance di gestione dell'emergenza e del processo di ricostruzione. Ritengo che la nomina di un ulteriore vice commissario, senza porre un problema sulla persona, sia un appesantimento della struttura, di cui si è rivelata l'indeterminatezza dei ruoli, con le conseguenti difficoltà di gestione. Questa circostanza pone una serie di problemi funzionali che renderanno inevitabilmente ancora più difficile il percorso che ci attende". E alla fine il sindaco conclude: "Come Sindaco dell'Aquila lavorerò alla ricostruzione e, nel contempo, assicurerò tutta la mia collaborazione e tutta l'esperienza da me maturata in questi terribili mesi, con immutata lealtà e amicizia".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©