Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Continuano le rivelazioni sui vertici della mafia

Ciancimino: "Provenzano aiutò a catturare Riina"


Ciancimino: 'Provenzano aiutò a catturare Riina'
02/02/2010, 10:02

PALERMO - Seconda udienza consecutiva del processo contro l'ex comandante dei Ros Mario Mori e il capitano dei Carabinieri Mauro Obinu, per favoreggiamento nel non avere arrestato il boss mafioso Bernardo Provenzano nel 1995. E anche oggi è stato ascoltato Massimo Ciancimino, figlio di Vito, sindaco di Palermo negli anni '70 e persona vicina ai vertici della mafia. E anche oggi ci sono state rivelazioni sconcertanti, da parte di Ciancimino: "Dopo la strage di via d'Amelio mio padre mi spinse a riprendere i contatti con i carabinieri, il colonnello Mori e il capitano De Donno. Concordammo un nuovo incontro, che avvenne nell'appartamento romano di mio padre, nei pressi di piazza di Spagna, tra il 25 e il 26 agosto. Ho un documento che prova quell'appuntamento. In quel momento, cambiava totalmente l'oggetto del dialogo fra mio padre e gli ufficiali dell'Arma rispetto alla prima trattativa. Nel momento in cui si percepiva chiara la ferocia di Cosa nostra, mio padre reputava infatti interrotto qualsiasi tipo di rapporto con Salvatore Riina. I carabinieri chiesero allora di poter catturare Riina, non Provenzano, perché loro sapevano che Provenzano era un interlocutore privilegiato di mio padre . I carabinieri sapevano che per potere giungere a Riina avevano bisogno di mio padre".
Poi il PM ha chiesto più volte a Ciancimino se i Carabinieri erano a conoscenza di questa intermediazione di Provenzano e se quindi avessero deciso di non arrestarlo, e Ciancimino ha confermato.
Si tratta di una conferma evidente del capo di imputazione, soprattutto se unita alle dichiarazioni fatte ieri, a proposito del fatto che già nel maggio del 1992 Provenzano ebbe "un'immunità territoriale" e quindi poteva circolare liberamente. Da sottolineare che era in quei giorni che si organizzò l'attentato a Falcone. Ed è sempre in quel periodo che si fissa - secondo le prove fin qui raccolte - l'inizio delle trattative tra lo Stato italiano e la mafia.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©