Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La 16 enne è uscita martedì dall’ospedale

“Ciao piccola mia”. Ecco la lettera di Selena a Melissa


“Ciao piccola mia”. Ecco la lettera di Selena a Melissa
01/06/2012, 10:06

BRINDISI – Selena ora sa. Selena ora sa che la sua amica del cuore, Melissa, non c’è più. Selena ora sa che l’unico modo per rivederla è sognarla.
Selena, la 16 enne che era assieme a Melissa anche quel maledetto giorno quando una bomba è stata fatta esplodere all’istituto Francesca Morvillo Falcone a Brindisi, ha scritto una lettera alla sua amica volata in cielo.
E’ uscita martedì scorso dall’ospedale, il suo primo pensiero è andato a Melissa: "Ciao piccola mia, mi sembra strano scriverti. Non l'ho mai fatto prima. Ho sempre preferito dirti tutto in faccia, guardandoti in quegli occhioni grandi e pieni d'amore". Comincia così Selena il suo saluto all’amica. “Ora - continua - posso solo immaginarti nei miei sogni, prendendoti per mano e portandoti qui, nel nostro mondo. Ricordo quella mattina nei minimi dettagli e se solo avessi saputo che quella sarebbe stata l'ultima occasione per vedere il tuo sorriso, l'ultimo giorno passato insieme, l'ultimo giorno in cui avrei potuto guardarti negli occhi, ti avrei tenuta stretta più che mai al mio petto e ti avrei sussurrato all'infinito il bene che ti voglio".
Selena ora dovrà affrontare una lunga convalescenza, la ragazza ha riportato ustioni sul 40% del corpo. Come lei ce l'hanno fatta anche Vanessa Capodieci, uscita martedì dal nosocomio di Brindisi, Sabrina Ribezzi e Azzurra Camarda, che però non possono ancora lasciare il reparto Grandi Ustionati. Lotta ancora tra la vita e la morte invece Veronica Capodieci, in prognosi riservata a Pisa.
Intanto il procuratore della Direzione distrettuale antimafia, Cataldo Motta, ha ribadito il costante impegno delle forze dell’ordine nella ricerca del killer: “Stiamo seguendo ogni pista, ogni segnalazione, dai cittadini, da Facebook, dalla polizia”. Non nasconde, però, che per il momento non ci sono novità.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©