Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Appello a Cisl e Uil affinché si uniscano

Cigl, Susanna Camusso: di nuovo in piazza il 14 novembre


Cigl, Susanna Camusso: di nuovo in piazza il 14 novembre
21/10/2012, 10:40

ROMA  - Il leader della confederazione sindacale Cigl, Susanna Camusso (nella foto) nel suo discorso dal palco di piazza San Giovanni durante  la manifestazione indetta dal sindacato,  ha annunciato l’intenzione di voler  tornare in piazza il 14 novembre prossimo.  "Torneremo in piazza il 14 novembre, con tutto il sindacato europeo".

La Camusso, durante il discorso,  ha fatto appello anche a Cisl e Uil affinché si uniscano anche loro all'iniziativa, decisa a livello europeo.  

A chi le ha fatto notare  che in alcuni Paesi è stata indetta in quella giornata anche uno sciopero, replica: 'Discuteremo con Cisl e Uil per vedere" la forma dell'iniziativa italiana.

Nel corso del suo intervento,  che ha concluso la manifestazione, la  Camusso  ha proposto  di usare le risorse stanziate per la produttività "per defiscalizzare l'assunzione a tempo indeterminato".

 Poi ha scandito  come "la politica di rigore, austerità e tagli, abbia fallito" e non solo, aggiunge, all'austerity spettano le "colpe" dello stato in cui versa il paese.

La leader Cgil ha avvertito: "se il governo con la legge di stabilità e altri provvedimenti intende condizionare il paese per il futuro noi glielo impediremo".

 Alla legge di stabilità per essere migliorata occorrono "modifiche molto profonde", perché qualche correzione non servirebbe "a ridurre le iniquità", ha  poi risposto, , a margine della manifestazione, a chi le chiedeva  dell'apertura del premier Mario Monti sul provvedimento.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©