Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cimiteri, Atduc: “Forno crematorio a Napoli solo una chimera"


Cimiteri, Atduc: “Forno crematorio a Napoli solo una chimera'
02/03/2012, 15:03

“Il forno crematorio che avrebbe dovuto sorgere all’interno del fondo Zevola a Napoli continua a rimanere un miraggio per i cittadini. Finora è stata realizzata soltanto la struttura muraria, mentre il macchinario non esiste poiché i locali non sono a norma. Intanto il Comune continua a finanziare l’opera, essendo stato stanziato un altro milione e mezzo di euro dalla nuova amministrazione di Palazzo San Giacomo per un impianto che si attende da oltre quindici anni e per il quale sono già stati spesi tre milioni e mezzo di euro”. Lo dichiara Vincenzo Ricciardi, presidente dell’Atduc (Associazione di tutela dei diritti degli utenti cimiteriali). “Per i napoletani è una presa in giro – incalza Ricciardi – dato che la struttura è stata costruita su un terreno franoso. Ragione per cui un forno crematorio lì non potrebbe mai sussistere per motivi di sicurezza. Com’è possibile – ci chiediamo – che mentre in Italia esistono 50 forni crematori nella nostra regione ve ne siano appena 3? Di cui uno a Napoli, che nemmeno funziona? E che avrebbe dovuto entrare in funzione a settembre 2011? Su questo ed altri temi chiediamo subito un incontro all’assessore comunale al ramo Tuccillo, che fino ad oggi non ci ha nemmeno ricevuti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©