Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Sono 3 i destinatari di provvedimento per il delitto

Cinese ucciso a Terzigno: identificato l’omicida, è in fuga


.

Cinese ucciso a Terzigno: identificato l’omicida, è in fuga
26/08/2010, 13:08

NAPOLI – A una manciata di ore dal delitto, le forze dell’ordine sembrano sulla buona strada per dare un nome all’uomo che, nel corso della notte tra martedì e mercoledì, ha accoltellato a morte un cittadino cinese e ferito gravemente un connazionale della vittima. Tre persone sono state fermate, con l'accusa di omicidio volontario aggravato in concorso.
Indagando sull’episodio i carabinieri della compagnia di Terzigno, senza lasciarsi fermare dall’omertà che caratterizza le comunità cinesi, sono riusciti a delineare i contorni di una storia che sembrava una brutta gatta da pelare.
Secondo la ricostruzione dei militari, la rissa nel ristorante di Terzigno, in via Zabatta 125, sarebbe scoppiata per motivi legati al gioco d’azzardo. Prima, intorno alle 23, c’è stato un litigio all’interno del locale e poi, intorno all’una e mezza del mattino, quando sembrava che tutto fosse tornato alla calma, Yang Ykao, 42enne cinese senza fissa dimora, ha afferrato un grosso coltello dalla cucina del ristorante e si è scagliato su Tu Jinguang, 33 anni. I fendenti, tra addome e torace, hanno ucciso l’uomo sul colpo. L’altra persona coinvolta, Yunmeng Yang, 35 anni, colpita all’addome, è stata ricoverata nell’ospedale di Terzigno, dove si trova attualmente in prognosi riservata.

Yang Ykao è stato denunciato in quanto in stato di irreperibilità. Gli altri due indiziati di omicidio, fermati, sono Chen Guoquing, residente a Striano e avventore del locale, e Cheng Chunjie, residente a Boscoreale e gestore del ristorante. I fermati sono stati condotti nel carcere di Poggioreale. Indagini e perquisizioni per blocchi di edifici sono tuttora in corso per rintracciare il fuggitivo.
La salma della vittima si trova al Secondo Policlinico, in attesa degli esami autoptici.


(In foto, i due arrestati. Da sinistra, Chen Guoquing e Cheng Chunjie)

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©