Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

CISL Campania: passare alla fase due, sviluppo e lotta agli sprechi


CISL Campania: passare alla fase due, sviluppo e lotta agli sprechi
13/12/2010, 17:12

Napoli, 13 dicembre. «La Cisl Campania ha accompagnato la politica del rigore del Presidente della Regione Stefano Caldoro messa in atto nei primi mesi del suo mandato per risanare il bilancio della Regione, con singole iniziative volte ad affrontare i problemi che si presentavano – ha affermato Lina Lucci, Segretario Generale della Cisl Campania. – Ora, però, è arrivato il momento di procedere verso una nuova fase che si incentri sulla lotta agli sprechi e che faccia del dialogo e dell’azione congiunta tra i vari assessorati e le parti sociali il punto da cui ripartire. Solo attraverso una politica integrata per lo sviluppo economico e sociale si può affrontare realmente la crisi, recuperando anche lo spirito di quelle proposte fatte dalla Cisl nel corso della scorsa campagna elettorale e non ancora passate alla fase operativa». «Ad oggi, tocca constatare che taluni Assessori dialogano solo attraverso la stampa, non interfacciandosi, come sarebbe necessario, con le parti sociali – ha aggiunto Lucci. – L’assessore regionale all’ambiente Giovanni Romano, per esempio, latita sfuggendo al dialogo e rimandando il confronto ormai da mesi». «Né va meglio per gli altri enti territoriali. La Provincia fa sentire la propria voce solo quando si parla di consulenze – è recente la notizia che la Sapna, società di proprietà della provincia che gestisce lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati spende per consulenze più di 600mila euro – ha continuato Lucci. – Infine il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino continua a tirarsi fuori da questa vicenda senza considerare che le responsabilità sui rifiuti dipendono principalmente dai Comuni». «La Cisl è preoccupata perché, ancora una volta, i cittadini, le famiglie ed i pensionati subiranno le conseguenze in questo incessante gioco di rimpallo delle responsabilità – ha concluso Lucci. – Domani, martedì 14 dicembre la Cisl Campania durante il consueto Consiglio Generale di fine anno (ore 14.30, Ramada Hotel, via G. Ferraris, 40 – Napoli) farà un primo bilancio del Governo in Campania e chiederà alle istituzioni tutte di assumersi le proprie responsabilità per mettere fine al caos che impera nella nostra regione ed iniziare un 2011 all’insegna del confronto per una reale inversione di rotta».

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©