Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cisl nella bufera, nuovo dossier in Procura -video

Tra corsi fantasma, fatture gonfiate e parentopoli

.

Cisl nella bufera, nuovo dossier in Procura -video
17/02/2017, 10:37

NAPOLI - Corsi di formazione fantasma, fatture gonfiate e camuffate dall’acquisto di gadget per gli associati, assunzioni di parenti in alcuni organismi sindacali. C’è questo – e molto di più – nel dossier dettagliato spedito in Procura a Napoli; dossier che ricostruisce un vero e proprio “sistema di potere” ai vertici dell’organo regionale della Cisl. Accuse pesanti, ora al vaglio degli inquirenti, in uno scenario che si fa via via più complesso. A mettere nero su bianco, facendo nomi e cognomi e, soprattutto, elencando le criticità nella gestione delle casse del sindacato è un ex iscritto, che si definisce ben addentro al sistema di gestione della Cisl Campania. Il dossier è finito sulla scrivania del pm Giuseppe Cimmarotta, magistrato in forza al pool coordinato dall’aggiunto Luigi Frunzio, che da settimane sta conducendo indagini su una presunta gestione allegra delle finanze negli uffici di via Medina. Il reato ipotizzato è quello dell’appropriazione indebita: ai raggi X un flusso di denaro, per svariate centinaia di migliaia di euro, che avrebbe preso la direzione sbagliata. Sott’accusa, si ricorderà, è finita Lina Lucci, già segretario regionale generale, ritenuta responsabile – tra l’altro - di aver commissionato lavori di ristrutturazione nell’abitazione presa in fitto in via Santacroce, sempre e comunque con i soldi della Cisl. Ma c’è di più: nel dossier si parla di costosi regali spediti a Roma, oltre a spese di rappresentanza ed elargizioni a fondazioni su cui la Procura adesso vuole vederci chiaro. Dal canto suo, la Lucci non ci sta ad essere indicata come la responsabile di questa presunta “malagestio” del sindacato e, attraverso i suoi legali, fa sapere di essere pronta a dimostrare la correttezza del suo operato. Da giorni, infatti, chiede di essere interrogata e si prepara a rispondere alle domande dei pm. 

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©