Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Città della Scienza, allo science center l'evento non influenziamoci


Città della Scienza, allo science center l'evento non influenziamoci
27/01/2011, 17:01

Come ogni anno il freddo invernale si accompagna all’influenza. Puntualmente virus dai nomi criptici e più o meno aggressivi divengono oggetto di discussioni e di diffuse paure. Virus che mutano, virus che “saltano” da un ospite all’altro, virus che provocano pandemie, virus resistenti ai vaccini… c’è una gran confusione nelle informazioni che ci arrivano dai media e conseguentemente un gran bisogno di chiarezza. Quando, ad esempio, un virus determina una pandemia? E quanto i nostri comportanti sbagliati facilitano il diffondersi delle malattie? Come difendersi da minacce tanto piccole quanto efficaci? È un caso che il picco di influenza si verifichi proprio in questa stagione? E i vaccini, sono veramente efficaci o sono solo motivo di business da parte delle multinazionali farmaceutiche? Ci sono effetti collaterali ai vaccini? A queste e ad altre domande sarà possibile trovare una risposta domenica 30 Gennaio visitando il Science Centredi Città della Scienza, dove Fondazione Idis propone una giornata dedicata all’informazione e al dibattito su questi temi; sarà l’occasione per chiunque voglia cercare delle risposte ai quesiti sui temi: Influenza A, pericolosità, vaccino, comportamento da tenere per un’adeguata prevenzione e come muoversi in casi particolari come quello delle donne gravide o con i più piccoli. Di particolare interesse l’incontro alle ore 12 con la dr.ssa Emma Montella, componente del comitato Pandemico dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Federico II”, che affronterà alcuni dei quesiti più ricorrenti sul tema dell’influenza; una corretta informazione aiuta, infatti, a sentirsi più pronti, più sicuri, e più preparati, evita il panico, e ci rende più consapevoli. A corredo dell’intervento scientifico del giorni, ci saranno dimostrazioni scientifiche sul mondo dei virus e dei batteri, osservazioni al microscopio di microrganismi “utili” al nostro metabolismo e piccoli giochi multimediali per testare la nostra conoscenza sul mondo dell’invisibile. Non mancheranno i laboratori per i più piccoli, in cui partendo da filastrocche e storie di Munari, i bambini saranno stimolati a dare sfogo alla propria creatività.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©