Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'ordinanza limitata solo a questa pietanza

Cittadella (PD): vietato il kebab, per i leghisti "poco igienico"


Cittadella (PD): vietato il kebab, per i leghisti 'poco igienico'
05/08/2011, 14:08

CITTADELLA (PADOVA) - Vietato vendere il kebab a Cittadella, comune in provincia di Padova. L'ha deciso l'amministrazione comunale, guidata dal leghista Massimo Bitonci. Con una ordinanza nella quale si dice che il kebab e pietanze simili "non sono certamente alimenti che fanno parte della nostra tradizione e della nostra identità, senza considerare che, nei luoghi dove se ne è permessa l'indiscriminata apertura, le amministrazioni comunali e i cittadini si sono pentiti amaramente''.
Intervistato dai giornali, Bitonci ha aggiunto: "Non sono benvenute, nei nostri centri storici, attività che per le loro caratteristiche, quali quelle di trattare cibi cotti e trasformati da consumare sul posto senza disporre di appositi spazi, potrebbero determinare l'abbandono indiscriminato di rifiuti. Per non parlare poi dello scarso rispetto delle norme igienico-sanitarie di quelle pietanze cotte e lasciate all'aperto per lungo tempo. Dobbiamo rivalutare i nostri ottimi prodotti locali''.
Naturalmente resta da sapere perchè il kebab è anti-igienico e invece una piadina o un calzone fritto sono perfettamente igienici. E poi quali sarebbero gli "ottimi prodotti locali"? Ce lo vedete un ragazzo che il sabato sera esce con gli amici mangiando una fetta di asiago?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©