Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CITTADINANZA ATTIVA CAMPANIA RICONFERMA IAVARONE


CITTADINANZA ATTIVA CAMPANIA RICONFERMA IAVARONE
13/11/2008, 12:11

 

Si è concluso a Napoli lo scorso week end il Terzo Congresso regionale di Cittadinanzattiva Campania, dal titolo “Fiducia, Trasparenza, Responsabilità".
L'evento ha rappresentato un importante momento di discussione e confronto per i rappresentanti delle 42 Assemblee territoriali di Cittadinanzattiva, le realtà locali della organizzazione, a cui sono iscritti oltre 3600 cittadini della nostra Regione. Cittadinanzattiva, che quest'anno festeggia i suoi tren'anni di attività, è nota per le attività svolte dalla sua rete sanitaria, il Tribunale per i diritti del malato, ed è impegnata in Campania anche nei progetti di tutela in ambito consumeristico (con 5 sportelli, denominati Pit- Progetto integrato di tutela), in ambito giudiziario (con la rete Giustizia per i diritti) e per educazione alla legalità e alla sicurezza (con la rete Scuola di cittadinanza attiva).
Il Congresso ha proceduto alla nomina del proprio segretario regionale e del Presidente. Per il primo è stato confermato, con circa l'80% dei voti, il segretario uscente Ferdinando Iavarone. Alla presidenza è stato invece eletto l'irpino Carlo Caramelli. Sono stati, quindi, indicati i 50 delegati al Congresso Nazionale, in programma a Roma dal 3 al 6 Dicembre prossimi. Il Congresso si è concluso, infine, con l'approvazione all'unanimità di un ordine del giorno sul tema della legalità, di cui riportiamo di seguito il testo.
“Il Congresso Regionale di Cittadinanzattiva della Campania esprime piena solidarietà a Roberto Saviano e a tutte le persone impegnate quotidianamente nella lotta alla criminalità organizzata, nonché alle vittime della camorra. La lotta per la legalità è il punto prioritario per uscire da tutte le crisi in Campania.
La crisi politica, quella della sanità e l'emergenza rifiuti altro non sono che il prodotto di una illegalità diffusa.
Cittadinanzattiva assume l'impegno di spendersi con tutti i propri aderenti affinché la legalità e l'educazione alla legalità siano portate a tutti i livelli, dalle istituzioni alle scuole, alla gente comune, attraverso attività di sensibilizzazione e di informazione”.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©