Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cittadinanzattiva su Scuola D’Ajetti di Pantelleria


Cittadinanzattiva su Scuola D’Ajetti di Pantelleria
03/03/2011, 17:03

Una lettera indirizzata a ben quattro Ministeri per richiamare l’attenzione sulla situazione degli alunni delle classi della Scuola D’Ajetti di Pantelleria, costretti da tempo a frequentare le lezioni presso locali situati all’interno della Base dell’Aeronautica Militare dell’isola.
È quanto ha inviato in data odierna Cittadinanzattiva al Ministero dell’Istruzione, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al Ministero dell’Interno e al Ministero della Difesa in seguito alle segnalazioni ricevute dalle mamme dei bambini, circa 50, da tempo costretti a frequentare - a causa della parziale inagibilità della scuola elementare D’Ajetti - quella che è ad oggi una base militare in evidente stato di allerta.
“È persino superfluo sottolineare la condizione di rischio per l’incolumità di bambini ed insegnanti, in un centro dove atterrano e ripartono ogni giorno aerei da guerra” commenta Adriana Bizzarri, Responsabile Scuola di Cittadinanzattiva. “Quel che è intollerabile è il perdurare di una situazione che si protrae da alcuni anni, e alla quale il Comune fatica a porre rimedio, anche per alcune decisioni discutibili. Per questo chiediamo l’intervento ai più alti livelli”.

Alle autorità competenti, Cittadinanzattiva richiede:

a) l’adozione di un provvedimento di urgenza volto al trasferimento immediato degli alunni e dei loro insegnanti in una sede civile idonea e sicura dove proseguire serenamente l’anno scolastico in corso;

b) l’individuazione a breve di una soluzione sicura, dignitosa e permanente in un edificio scolastico o ad uso scolastico, in vista delle attività didattiche 2011-2012.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©