Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cortei da Boscoreale, Boscotrecase, Trecase e Terzigno

Cittadini in marcia contro le discariche nel Parco


.

Cittadini in marcia contro le discariche nel Parco
08/05/2010, 14:05

BOSCOREALE -  Sono scesi in piazza con striscioni e cartelloni per  dire no alle discariche nell’area protetta del Parco Nazionale del Vesuvio. Quattro cortei di protesta che hanno coinvolto i cittadini di Boscoreale, Boscotrecase, Trecase e Terzigno e sono confluiti alla rotonda all’angolo con via Zabatta a Boscoreale. Oltre 500 persone: giovani, associazioni, parrocchie e rappresentanti dell’amministrazioni locali hanno sfilato in corteo per dire basta ad una situazione diventata intollerabile. “Non è la prima volta che protestiano, da mesi ci opponiamo al piano rifiuti messo in atto dalla Regione Campania da ormai 16 anni – dicono i manifestanti -  vogliamo ribadire che è possibile, perché l’abbiamo concretamente dimostrato attraverso l’intervento di tecnici, che andare contro questo piano rifiuti non è un’utopia. E’ possibile andare verso rifiuti zero con il trattamento meccanico-biologico a freddo dei rifiuti, attraverso la riduzione a monte. Vogliamo precisare per l'ennesima volta che non siamo contro la discarica di Terzigno, siamo contro tutte le discariche, contro tutti gli inceneritori”. Cresce la rabbia e l’esasperazione dei cittadini. “L’aria è diventata irrespirabile – dice una signora intervenuta al corteo – . Non possiamo più vivere in queste condizioni”. Alla manifestazione ha partecipato anche il sindaco di Trecase Gennaro Cirillo che ha dichiarato: “Le amministrazioni locali sono al fianco dei cittadini, siamo impegnati in prima linea per evitare l’apertura della discarica Vitiello. E' un concetto che abbiamo ribadito in tutte le sedi, abbiamo iniziato dalla Provincia chiedendo un consiglio provinciale monotematico, chiediamo ancora una volta alla Provincia di esprimere un no definitivo all'apertura della cava Vitiello. Siamo disponibili a discutere con la Regione del piano rifiuti in Campania”. 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©