Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fermati appena messo il piede a terra

Civitavecchia: scontro tra pastori sardi e Polizia


Civitavecchia: scontro tra pastori sardi e Polizia
28/12/2010, 09:12

CIVITAVECCHIA - Ancora una volta, le forze dell'ordine svolgono un'azione preventiva contro un gruppo di manifestanti. Questa volta le vittime sono un gruppo di circa 200 persone, appartenenti al Movimento Pastori Sardi, fermate nel momento in cui sono sbarcati dal traghetto a Civitavecchia. Non è stato loro neanche permesso di salire sul pullman che li aspettava per portarli a Roma, e si sono trovati circondati da poliziotti e carabinieri, arrivati sul posto coni blindati.
Secondo quanto riferito, i pastori volevano bloccare una strada di grande traffico nella capitale, per evidenziare le proprie richieste. Che sono semplici: il latte di pecora viene pagato solo 60 centesimi al litro, una cifra che non consente ai pastori neanche di coprire le spese relative alla manutenzione dei greggi. A novembre sembrava essere stato trovato un accordo con la Regione Sardegna (Prezzo garantito di 75 centesimi al litro, acquisto garantito di tutta la produzione di formaggi, e così via), ma dopo pochi giorni la giunta Cappellacci si è rimangiata i propri impegni, dando il via ad una nuova conflittualità.
I pastori hanno tentato di forzare il blocco e ci sono stati tafferugli, che sono durati poco. Tuttora la situazione è di stallo: le forze dell'ordine controllano il gruppo dei manifestanti, che sono bloccati sul piazzale del porto, senza alcuna possibilità di manifestare il loro disagio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©