Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Facevano interventi chirurgici inutili per i rimborsi

Clinica Santa Rita: 15 anni e 6 mesi all'ex primario


Clinica Santa Rita: 15 anni e 6 mesi all'ex primario
29/10/2010, 09:10

MILANO - Alla fine la sentenza del Tribunale di Milano è stata persino, per certi aspetti, clemente: 15 anni e 6 mesi di reclusione per l'ex primario di Chirurgia Toracica della clinica Santa Rita di Milano, Pier Paolo Brega Massone. Inoltre le pene accessorie (5 anni di interdizione alla professione medica ed interdizione perpetua dai pubblici uffici) e soprattutto i risarcimenti: fino a 80 mila euro a testa per ciascuna delle parti civili - che sono una quarantina - più 200 mila euro per l'Ordine Provinciale dei Medici, più 40 mila alla Asl di Milano e 30 mila alla Regione Lombardia. Per i risarcimenti collaboreranno anche gli altri due condannati: Marco Pansera, condannnato a 6 anni e 9 mesi di reclusione e a 5 anni di interdizione dalla professione medica, e Pietro Fabio Presicci, condannato a 10 anni di reclusione e 5 anni di interdizione dalla professione medica. I tre medici - che sono stati assolti da quattro imputazioni e parzialmente da cinque - erano accusati di aver fatto tra il 2005 e il 2007 almeno 83 operazioni chirurgiche inutili su pazienti malati o anche terminali, per incassare i rimborsi che la Regione Lombardia, tramite l'Asl, paga in questi casi.
Al momento della lettura, Brega Massone è stato indifferente, ma poi tramite il suo legale, ha comunicato alla stampa il suo pensiero: "Sono il capro espiatorio di una situazione più ampia", mentre l'avvocato difensore annunciava ricorso in appello e Cassazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©