Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nel mirino anche imprenditori napoletani

Club a luci rosse, interrogati 400 clienti a Vallo della Lucania


Club a luci rosse, interrogati 400 clienti a Vallo della Lucania
24/08/2010, 16:08


VALLO DELLA LUCANIA (Sa) - Proseguono le indagini sul giro di prostituzione all’interno dello "Stage Night Club" sequestrato, sabato, dai carabinieri a Vallo della Lucania. Ieri mattina sono cominciati gli interrogatori dei circa 400 tesserati del circolo a luci rosse. Dalle 9 di ieri, decine di clienti, hanno sfilato negli uffici della compagnia dei carabinieri di Vallo. Molti coloro che hanno ammesso di avere avuto, nei saparé, rapporti sessuali con le intrattenitrici dopo aver pagato cifre dai 100 ai 200 euro. Ci vorrá ancora qualche giorno per sentire i quattrocento tesserati. Si tratta di clienti provenienti da ogni angolo della provincia di Salerno, ma anche dal napoletano e dal potentino. Persone distinte, dai 25 anni in su, che si concedevano serate ad alto contenuto erotico assistendo agli spettacoli di spogliarello e di lap dance delle avvenenti cubiste dell’Est Europa. Tutti sono stati filmati in atteggiamenti inequivocabili dalle telecamere nascoste dai carabinieri, e ora tremano per il timore di uno scandalo. Dai racconti dei clienti giá interrogati è emerso un piccolo paradiso del sesso, un richiamo per tanti mariti e centinaia di professionisti in cerca di un eremo più o meno nascosto per "avvicinare donne" dell’Est o focose brasiliane, in realtá donne raggirate e sfruttate. Compravano, dilapidavano gli stipendi, si innamoravano, dimenticavano le mogli. I carabinieri di Vallo hanno scoperto dopo indagini e filmati, girati di nascosto, una vera e propria organizzazione, che guadagnava migliaia di euro.  Gli arrestati sono Attilio Garofano, di Gioi, 65 anni, residente a Vallo della Lucania, presidente del circolo; Domenico Feola, nato a Milano, 45 anni, residente a Campora, vicepresidente; Elena Monteanu, 23 anni, residente a Casalvelino, segretaria del circolo; Genoveva Grigore Petronela, 29 anni, domiciliata a Casalvelino, socia del circolo. Molto probabilmente verranno interrogati questa mattina dal gip Marrone. L’inchiesta è nata da un’inserzione pubblicata su un sito internet sul quale comparivano alcune fotografie raffiguranti donne dell’est europeo, in atteggiamenti equivoci, collegate con appositi "link" ad un vero e proprio prezzario.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©