Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'accusa del sindacato di polizia

Coisp: La Corte di Cassazione istiga alle stragi stradali discolpando chi guida ubriaco


Coisp: La Corte di Cassazione istiga alle stragi stradali discolpando chi guida ubriaco
26/03/2009, 08:03

Il COISP è indignato per come la Quarta Sezione penale della Cassazione, (sentenza n.13083), abbia motivato il rigetto del ricorso della Procura di Salerno, volto a riconoscere l’accusa di omicidio volontario contro un 24enne rumeno che, ubriaco, a bordo di una potente BMW, aveva investito una coppia di giovani, causando la morte di uno ed il grave ferimento dell’altro. Il rumeno poi aveva terminato la propria corsa contro una vetrina.
 
“Con quali sentimenti possiamo affrontare una sentenza che giustifica chi si ubriaca e si mette su strada”, si chiede il Segretario Generale del Coisp Franco Maccari.
 
Anzi, lo "stato di ubriachezza" viene giustificato dalla Cassazione, in quanto avrebbe contribuito "….ad ingenerare il senso di onnipotenza che in uno alla giovane età ha consentito di agire convinto di non correre rischi di sorta". Ma “tutto è avvenuto per colpa, non per volontà”. “Per analogia”, spiega Maccari, “una condotta tale, equivale a giustificare chi spara sulla folla, dato che, chi spara non è detto che voglia uccidere una particolare persona, anzi potrebbe non colpire nessuno”.
 
Per noi, Operatori della sicurezza, la severità invocata da ogni parte, politica e sociale nei confronti dell’uso di alcool mentre si guida, viene fortemente compromessa, se non vanificata, da sentenze come questa emessa dalla Cassazione”, incalza Maccari.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©