Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

COISP: presidente Rousseff estradi Battisti


COISP: presidente Rousseff estradi Battisti
29/01/2011, 11:01

Il Presidente brasiliano Dilma Rousseff ha scritto al Presidente Napolitano, in apparenza per spiegare il perché Battisti non sia stato estradato, ma formalmente di quel perché, nella missiva, non c’è traccia.

“Il Brasile – dice Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia – continua a beffarsi e prendersi gioco dell’Italia. Il Presidente Rousseff dice che nella decisione di Lula non c’è alcun giudizio sulla giustizia italiana. Ci mancherebbe altro, rilanciamo noi. Ma il Presidente brasiliano non può bleffare facendo finta di non sapere che un giudizio, per essere espresso, non ha bisogno di essere pronunciato, basta mettere in atto i comportamenti che lo palesano più delle parole”.

“No signor Presidente noi non ci stiamo – dice ancora Maccari – con il rispetto dovuto, chiediamo al Capo dello Stato italiano di essere risoluto sulla questione Battisti, come lui sa esserlo. L’amicizia decantata dal Brasile in questa lettera, è usata come mezzo opportunistico per non perdere l’importante appoggio dell’Italia, ma si dimentica l’opportunità che il rispetto delle relazioni internazionali impone”.

“Ad oggi e finchè Battisti non sarà in Italia – conclude Franco Maccari – il Brasile non può essere considerato un Paese amico dell’Italia, forse un Paese con cui intrattenere utilitaristici rapporti di interesse, ma non certo un Paese amico, perché né Lula, né i suoi successori ci pare di capire, hanno utilizzato l’atteggiamento che non un amico, ma anche solo un conoscente dotato di buon senso e rispetto per l’altro, avrebbe messo in atto”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©