Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Coisp: sulle parole di Gheddafi


Coisp: sulle parole di Gheddafi
04/03/2011, 11:03

“Se Berlusconi si diletta ad andare in giro a baciare le mani di dittatori esibizionisti, ciò non consente a nessuno di poter dire che ad abbassarsi a tali scenografiche genuflessioni sia l’Italia intera! Il concetto deve essere ben chiaro, e sarebbe proprio il caso che il Presidente del Consiglio lo spiegasse a chiare lettere, perché lui a titolo personale può fare ciò che vuole – e ne ha dato notevole prova con i suoi straordinari festini -, ma nella sua veste di Capo del Governo non può far vergognare la Nazione”.
E’ il duro commento di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, ai titoli ed agli articoli che campeggiano su tutti gli organi d’informazione che riportano le parole del rais libico Muammar Gheddafi, oramai assediato a Tripoli, che rispondendo violentemente alle parole di Silvio Berlusconi, il quale aveva detto che lui non ha più la Libia sotto controllo, ha affermato tra l’altro “abbiamo costretto l’Italia ad inginocchiarsi”, ed ancora “l’Italia mi ha baciato la mano”, riferendosi al baciamano che il nostro premier gli fece lo scorso marzo a Sirte, in occasione di un vertice delle Lega araba.
“Del fatto che qualcuno si possa consentire di parlare così dell’Italia io mi ritengo offeso – aggiunge Maccari -, soprattutto per la categoria che rappresento, ma certamente come me tutti gli Italiani avranno sentito la stretta allo stomaco nell’essere costretti a subire certi sberleffi arroganti, che il rais si può permettere solo perché c’è stato qualcuno che gli ha dato agio e ragione di poterlo fare, rendendo ridicolo sè stesso e tutta Italia”.
“Ma quello che Gheddafi certamente non sa né concepisce - conclude il leader del Coisp -, è che gli italiani non sono un popolo di servetti del ‘re sole’, pur se a volte il premier crede di essere tale, e che dunque anche se Berlusconi bacia lui la mano, o i piedi, o qualcos’altro dove non batte il sole, dall’Italia, specie in questo momento in cui lui sta mostrando il suo vero volto, può aspettarsi solo una pernacchia o, al più, un poco elegante ma sempre efficace calcio nel sedere”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©