Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Coldiretti: "Lucifero tiene svegli 12 mln di italiani"


Coldiretti: 'Lucifero tiene svegli 12 mln di italiani'
22/08/2012, 15:58

Lucifero nei giorni più caldi dell’anno tiene svegli durante la notte circa dodici milioni di persone che soffrono di insonnia. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che per battere la grande afa gli italiani hanno cambiato alimentazione con un calo negli acquisti di cioccolato e salatini ed un aumento medio stimato del 10 per cento degli acquisti di frutta rispetto allo scorso anno, ma a salire sono stati anche gli acquisti di acqua e di gelati. “Scegliere una alimentazione corretta - sottolinea la Coldiretti - aiuta a resistere meglio al caldo”. Cibi come pane, pasta e riso, ma anche lattuga, radicchio, cipolla, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte fresco caldo e frutta dolce come pesche e nettarine possono venire in soccorso per superare le notti di passione. “Sono invece gli alimenti conditi con molto pepe e sale, ma anche con curry, paprika in abbondanza ed anche patatine in sacchetto, salatini, alimenti in scatola e minestre con dado da cucina - continua la Coldiretti - i veri nemici del riposo che le alte temperature rendono piu' difficile”. Attenzione, pero', anche a caffe' e superalcolici che spesso accompagnano le serate in compagnia nei luoghi di vacanza ed anche agli alimenti in scatola che garantiscono praticita' ai turisti che non vogliono perdere tempo nella preparazione dei cibi “ma che - precisa la Coldiretti - sono considerati a "rischio" per chi vuole trascorrere tranquillamente la notte nelle braccia di Morfeo mentre sono da privilegiare lattuga, radicchio e frutta dolce di stagione.  L'attenzione all'alimentazione - conclude la Coldiretti - e' particolarmente importante nei soggetti a rischio come gli anziani ed i bambini: ci si addormenta difficilmente a digiuno o comunque non sazi, ma anche nei casi di eccessi alimentari, in particolare con cibi pesanti o con sostanze eccitanti”.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©