Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Collaborazione tra lucciole e vigili a Genova, la Silipigni commenta


Collaborazione tra lucciole e vigili a Genova, la Silipigni commenta
21/10/2009, 14:10


"Non sono contraria a un' iniziativa del genere, ma in questo caso deve essere riconosciuta la professione di meretrice, in modo che anche queste originali collaboratrici siano sottoposte a pressione fiscale e i loro contributi vadano a finanziare le casse del comune". Questo è stato il commento di Antonella Silipigni , responsabile per la città di Genova dell'Italia dei Diritti, riguardo alla controversa decisione dell'amministrazione locale di instaurare una collaborazione tra polizia municipale e prostitute, così da migliorare il decoro e la vivibilità nella difficile zona della Maddalena. Sia il Sulpm, sindacato autonomo della polizia municipale, che il consigliere regionale del Pdl Gianni Plinio hanno manifestato il loro dissenso. "Non mi trovo in accordo con le critiche esposte - continua l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - ma di fronte a una professione non riconosciuta c'è la necessità di fare un passo indietro. Va anche bene il pragmatismo nell'istaurare una relazione con il territorio, ma non deve diventare ipocrisia. Anche se l'amministrazione è a corto di forze di controllo non deve utilizzare mezzi indecorosi, immorali e illegali. Quindi se si vuol fare un passo di questo tipo lo si faccia fino in fondo e venga riconosciuto il mestiere".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©