Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Una preferenza è stata data anche a Veronica Lario

Colle, voti dispersi: dal conte Mascetti a Margherita Hack

Qualche nostalgico ha rivotato Giorgio Napolitano

Colle, voti dispersi: dal conte Mascetti a Margherita Hack
18/04/2013, 16:22

A ogni elezione che si rispetti, c'è sempre qualche distrattore. Tra franchi tiratori e schede bianche, ci sono anche molte "schede colorate", voti dispersi a beneficio del gossip di Palazzo. Anche nell'Aula di Montecitorio, nel corso delle votazioni per il presidente della Repubblica, qualche preferenza è andata a dei veri outsiders. Se è vero che in campo non c'erano solo Marini e Rodotà, i restanti voti non li hanno presi solo Sergio Chiamparino, Romano Prodi ed Emma Bonino. Qualche grande elettore ha pensato di provarci con il presidente uscente Giorgio Napolitano, sebbene egli stesso abbia più volte ribadito di non essere disponibile per un altro mandato.
Un voto è spuntato anche per Mara Carfagna. Nella conta dei voti, la presidente della Camera Laura Boldrini ha dichiarato nulla la scheda per "mancanza dei requisiti", essendo requisito necessario per diventare presidente della Repubblica un'età non inferiore ai 50 anni.
I voti più stravaganti sono andati, uno alla showgirl Valeria Marini, uno all'ex moglie di Silvio Berlusconi, Veronica Lario. Il voto sicuramente più simpatico è andato a Lello Mascetti, il conte interpretato da Ugo Tognazzi nel film "Amici miei", nonché il protagonista, l'autore della "supercazzola". Qualche altro voto disperso è andato al saggista Franco Cardini, allo scrittore Claudio Sabelli Fioretti, alla giornalista che ha rifiutato la candidatura del M5S, Milena Gabanelli e infine alla celebre astrofisica Margherita Hack.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©