Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Colletta al Vomero per riattivare il mammografo della ASL


Colletta al Vomero per riattivare il mammografo della ASL
14/11/2011, 10:11

“E’ una vergogna, rispetto alla quale è auspicabile che intervengano anche gli organi di controllo – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. La colletta che si è svolta stamani in via Scarlatti, con tanto di manifesti ( foto allegata ) per raccogliere i 200 euro necessari per l’acquisto di una lampadina necessaria per riattivare il mammografo presente nell’ASL in via Conte della Cerra, fermo dal giugno scorso, vale a dire da ben cinque mesi, ha messo ancora una volta in piazza l’inefficienza della sanità pubblica “.

“ Notoriamente il tumore al seno colpisce una donna su dieci – ricorda Capodanno -, rappresentando il 25% di tutti i rumori che colpiscono le donne. Non solo, ma per il sesso femminile si tratta della prima causa di mortalità, con un tasso del 17% rapportato a tutti i decessi generati da cause oncologiche “.



“ Attualmente – prosegue Capodanno – la metodica più efficace per una diagnosi precoce del tumore è proprio quella dell’esame mammografico che, secondo quanto consigliato dagli esperti, nella fascia d’età dai 50 anni in su va effettuato, a scopo preventivo, con una cadenza di una volta ogni due anni “.



“ E’ inconcepibile, nel terzo millennio che le persone debbano rischiare la vita per simili inefficienze – stigmatizza Capodanno -. Nella sanità pubblica si sono sprecate centinaia di milioni di euro e poi non si trovano 200 euro per l’acquisto di una lampadina necessaria a salvare tante vite umane “.



Capodanno rivolge un appello al governatore della Campania, Caldoro, e al sindaco di Napoli, De Magistris, perché mettano in atto, in tempi rapidi, tutte le iniziative per garantire la riattivazione dell’apparecchiatura, sollecitando, laddove, il numero di richieste per tale tipo di accertamento lo rendesse necessario, l’acquisto di altri mammografi da mettere a disposizione della popolazione femminile della Città.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©