Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma li sconterà ai domiciliari

Colpì ragazzo con un casco, condannato a 3 anni di reclusione



Colpì ragazzo con un casco, condannato a 3 anni di reclusione
28/06/2011, 16:06

ROMA - Chi a dicembre scorso vide le immagini, rimase sconvolto: un ragazzo - il quindicenne Cristiano - che, mentre sta girato, riceve un violentissimo colpo alla tempia dato con un casco da parte di un altro ragazzo, a tradimento, e crolla al suolo. E' un episodio del 14 dicembre scorso, durante le manifestazioni che si svolsero a Roma per protestare contro l'approvazione della cosiddetta riforma universitaria.
Oggi si è svolto il processo contro l'aggressore, Manuel De Santis, che è finito con una dura condanna: nonostante sia stata concessa l'attenuante del risarcimento (la famiglia De Santis ha risarcito al ragazzo colpito con 25 mila euro), il giudice ha condannato l'imputato a 3 anni di reclusione, negando la revoca degli arresti domiciliari. Il Pm aveva chiesto una pena di soli 2 anni, con la sospensione condizionale. Resta anche per l'imputato la possibilità di allontanarsi da casa per andare al lavoro in pizzeria dalle 15 alle 22.30.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©