Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Coltellate al padre, arrestato 40enne di Santa Marina


Coltellate al padre, arrestato 40enne di Santa Marina
05/02/2010, 13:02


SANTA MARINA. Accoltellò il padre durante il sonno, ha tentato una nuova aggressione: arrestato un 40enne di Santa Marina. L’uomo, con problemi psichiatrici, è stato arrestato a seguito di un’ordinanza di custodia e rinchiuso nell’ospedale psichiatrico di Aversa. L’uomo, domenica scorsa, violando l’obbligo della libertá vigilata, ha tentato nuovamente di aggredire il padre nella sua abitazione. Solo grazie al tempestivo intervento dei carabinieri della stazione locale diretti dal maresciallo Domenico Gagliardi è stato evitato il peggio. Il 40enne, nel mese di marzo dello scorso anno, colpì violentemente il padre ferendolo nel sonno con un coltello a serramanico. Un colpo violento al torace che solo per miracolo non uccise l’anziano. Era da poco passata la mezzanotte quando l’uomo si introdusse nella stanza dove i due anziani genitori dormivano, e con freddezza, ferì il padre settantenne, lasciandolo agonizzante tra le coperte. Fu la moglie della vittima e madre dell’aggressore, unica testimone dell’accoltellamento, a chiamare i soccorritori; l’anziano fu trasferito in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale di Sapri. Dopo le prime cure, il pensionato venne ricoverato nell’ unitá Chirurgica dell’ospedale saprese, dove fu sottoposto ad un delicato intervento. Un gesto di follia che procurò non poco scalpore nell’intero comprensorio del Bussento. Il procuratore capo della Repubblica di Sala Consilina aprì un fascicolo e affidò le indagini ai carabinieri della compagnia di Sapri, guidati dal capitano Gianmarco Pugliese.  Il pm dopo gli accertamenti di rito dispose per il 40enne la misura della libertá vigilata, ma dopo l’ultimo folle gesto di domenica si è reso necessaria un’ulteriore misura di custodia presso l’ospedale Psichiatrico di Aversa. La notizia ha fatto velocemente il giro del comprensorio dove la famiglia del 40enne è molto conosciuta. Agli inizi degli anni Settanta, infatti, ha gestito una rinomata trattoria nella zona e sono in molti a ricordare il 40enne ancora ragazzino, giocare tra i tavoli e scherzare con i clienti: nessuno avrebbe mai immaginato una fine simile.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©