Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro: il resoconto di questa settimana a Napoli


Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro: il resoconto di questa settimana a Napoli
13/02/2012, 10:02

Negli ultimi giorni, in Napoli e provincia, militari del Nucleo Operativo del Gruppo Tutela del Lavoro di Napoli e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, inquadrati nel Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Roma, reparto speciale dell’Arma, con dipendenza funzionale dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, hanno dato esecuzione ad una massiccia attività ispettiva, finalizzata, tra l’altro, alla: lotta nei confronti del dilagante fenomeno del “lavoro sommerso”; corretta attuazione delle norme sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. L’attività ispettiva ha riguardato obiettivi individuati a seguito di direttive ministeriali ed è stata condotta, sia su specifiche indicazioni della Direzione Territoriale del Lavoro di Napoli, sia in autonomia dai militari dipendenti.

Il lavoro del Nucleo Operativo - competente sull’intera Italia meridionale ad eccezione della Sicilia a statuto speciale - ha portato al: deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale partenopeo, di 2 persone ritenute responsabili di violazioni delle norme sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e per aver avviato al lavoro un minore, senza averlo sottoposto alla visita medica preventiva in relazione alla specifica mansione da svolgere; la sospensione dell’attività imprenditoriale (provvedimento impartito dall’organo accertatore, qualora dall’attività ispettiva risulti l’impiego in quella sede di lavoratori in nero in misura superiore al 20% a quelli effettivamente impiegati nella sede ispezionata), di una ditta edile, un noto bar della periferia a nord di Napoli, frequentato da numerosi giovani dell’hinterland, 2 pasticcerie dell’aversano e 3 saloni di bellezza dislocati nella citata periferia; la contestazione di 83 sanzioni amministrative per 80.000 euro circa;  l’impartizione di 2 prescrizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro per un importo complessivo di 9.000 circa;   l’individuazione di 14 lavoratori in nero, uno dei quali minore; al recupero di contributi non versati e premi assicurativi per un importo complessivo di 15.000 circa.

Analogamente, l’attività del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Napoli, con competenza provinciale, ha portato a: l’adozione di 3 provvedimenti di sospensione di attività d’impresa a carico di 2 negozi di abbigliamento e di un bar pasticceria;  l’individuazione di 4 lavoratori in nero;  la contestazione di sanzioni amministrative per circa 35.000 euro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©