Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Comitato Save Madre denuncia: Laura Cheribuni designata nel Cda non ha il curriculum adatto


Comitato Save Madre denuncia: Laura Cheribuni designata nel Cda non ha il curriculum adatto
14/03/2011, 13:03

"Laura Cherubini - denunciano l' ex assessore provinciale Francesco Emilio Borrelli ed i consiglieri comunali e provinciali Emilio Di Marzio e Livio Falcone del Comitato SAVE MADRE - , designata al posto di Heygi che come avevamo preannunciato ha rifiutato l' incarico, non ha secondo noi il curriculum per ricoprire l'incarico di vicepresidente della Fondazione Donnaregina del Madre".
"Ecco le norme statutarie che disegnano i profili dei componenti:
ARTICOLO 6 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 6.1 Il Consiglio diAmministrazione è composto di tre membri nominati così come previsto nel successivo comma “6.4.”.
6.2 I componenti del Consiglio di Amministrazione durano in carica 5 [cinque) anni epossono essere confermati.
6.3 I componenti del Consiglio di Amministrazione hanno diritto ad un rimborso delle spese sostenute per le ragioni dell’ufficio e, salvo loro rinunzia, ad un compenso
che sarà stabilito dal Consiglio stesso.
6.4 Il Consiglio di Amministrazione è nominato dal Presidente della Regione Campania ed è composto: da un componente della stessa Giunta che assume la carica di Presidente e che conserva tale carica per i cinque anni del mandato, anche se cessa dalla funzione di componente della Giunta Regionale;
da un esperto d’arte contemporanea di rinomanza internazionale e di conclamato prestigio designato dal Presidente della Regione; da un giurista designato dallo stesso Presidente della Regione".

"La signora Cherubini - continua il Comitato Save Madre - non ha mai pubblicato un libro in Italia e men che mai ci risulta all'estero. Inotre non ha mai curato e firmato una mostra all'estero. Non ci risulta che abbia mai curato una edizione della Biennale di Venezia e tantomeno una Mostra di De Deminicis al Moma.
Certo ha lavorato come aiutante di altri ma non significa nulla, conta se ha firmato e realizzato un proprio progetto. Insomma non capiamo come possa essere definita un "esperto
d'arte contemporanea di rinomanza internazionale e di conclamato prestigio".
L' unica sua caratteristica è che è una persona di destra, collaboratrice da tempo del Giornale di proprietà della famiglia Berlusconi".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©