Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Visibili anche da internet

Comuni, Napoli: tombe Totò e Caruso monitorate sul web


Comuni, Napoli: tombe Totò e Caruso monitorate sul web
28/10/2010, 17:10

NAPOLI - Vedere la tomba di Totò e di Enrico Caruso, al cimitero monumentale di Napoli, sarà possibile tramite internet da tutto il mondo. Il sistema di videosorveglianza del Comune di Napoli si allarga anche al cimitero nell'area riservata agli uomini illustri. Il Comune di Napoli, in partenariato con l'Università Federico II e la Selav (Servizi elettrici lampade votive Napoli), ha avviato la sperimentazione di un sistema di videosorveglianza nel 'Quadrato degli uomini illustri del cimitero di Poggioreale', che utilizzerà le infrastrutture già esistenti (linee elettriche) per la trasmissione delle immagini e dei dati.
Si tratta di un progetto di ricerca di facility management per la gestione di strutture urbane, finanziato dal Ministero delle Attività produttive, che ha l'obiettivo di valutare proposte innovative e di sperimentare nuove tecnologie per la gestione e la manutenzione, con particolare attenzione al tema del risparmio energetico. "Il sistema consentirà all'amministrazione di ripristinare l'esigenza di sicurezza all'interno del cimitero e di registrare in caso di effrazioni i movimenti all'interno delle aree sorvegliate - ha detto l'assessore Paolo Giacomelli -. Il dispositivo prevede anche ulteriori postazioni: occhi virtuali veglieranno, infatti, all'interno del Cimitero del Pianto, sul manufatto funerario di Enrico Caruso e sulla tomba di Totò che nei mesi scorsi, come alcuni mausolei del cimitero monumentale, era stata oggetto di atti vandalici e furti nel corso dei quali furono trafugati busti marmorei ed altri elementi di arredo funerario successivamente, in parte, recuperati".
L'iniziativa parte da un livello sperimentale di videosorveglianza per la sicurezza e punta a realizzare nel tempo un sistema di gestione di tutte le attività ausiliarie - quali utilities, sicurezza, telecomunicazioni e manutenzioni -attraverso un unico circuito coordinato a livello centrale per tutti i servizi delle aree cimiteriali, compresa la promozione turistica e culturale di alcune strutture.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©