Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Al centro del dibattito la riorganizzazione degli Uffici

Conclusa la tre giorni sulla Giustizia, tante le proposte


.

Conclusa la tre giorni sulla Giustizia, tante le proposte
23/05/2011, 16:05

SORRENTO- Innovazione e riorganizzazione queste le parole chiave che sono emerse durante il confronto a più voci della tre giorni “Innovazione per la Giustizia.  Stati generali dei protagonisti per progettare nuovi uffici giudiziari” che si è svolta a Sorrento nel fine settimana. L’Innovazione è stata analizzata non solo da un punto di vista tecnologico, che ha la sua importanza per sveltire alcuni procedimenti,  ma soprattutto dal punto di vista della riorganizzazione degli uffici, con  politiche di accoglienza e servizi per i cittadini, ed una semplificazione e razionalizzazione dei processi di lavoro. Alla tavola rotonda, “Rafforzare le capacità di azione dell’Amministrazione della Giustizia”, coordinata da Lionello Mancini de Il Sole 24Ore,  erano presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro,  il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, il presidente di Magistratura Democratica, Luigi Marini, il segretario generale della Corte di Cassazione, Franco Ippolito. “La Regione Campania - ha dichiarato il presidente Caldoro - è molto avanti nei programmi di innovazione. Abbiamo messo in piedi progetti significativi con gli uffici giudiziari. Sono tante le proposte che hanno come beneficiario principale il cittadino. Bisogna garantire il diritto alla giustizia e farlo nei tempi previsti. Inoltre – ha aggiunto Caldoro - la Regione condivide pienamente il programma messo in piedi dal ministro Brunetta per l’innovazione tecnologica. Una spinta per tutta la pubblica amministrazione. I primi risultati si stanno vedendo, sia in termini di efficienza che di un reale risparmio. Basti pensare ad alcune misure messe in campo dalla Regione in ambito sanitario, come le ricette on-line, che stanno riscuotendo enorme successo”. Anche per Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, innovazione e riorganizzazione degli uffici sono elementi indispensabili per un funzionamento migliore della giustizia.
 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©