Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Concordia, la moldava Domnica:"Schettino è un eroe"

La donna misteriosa parla ai microfoni di emittente moldava

Concordia, la moldava Domnica:'Schettino è un eroe'
19/01/2012, 11:01

Tanti gli indizi e le testimonianze, ma ancora non si arriva ad una conclusione sulla effettiva dinamica della tragedia del Giglio. L’ultimo tassello che si aggiunge per la ricostruzione dei fatti di quella sera in cui, la nave Concordia urta contro uno scoglio, è che il comandante fosse in compagnia di una moldava. Si tratterebbe di una ragazza di 25 anni, Domnica, che era probabilmente sulla nave senza registrazione. La donna misteriosa era sul ponte insieme al comandante Schettino al momento dello schianto. La presenza della donna, alla quale si sta cercando di arrivare, può essere fondamentale per gli inquirenti. Alcuni testimoni dicono di averla vista seduta nella saletta attigua alla plancia di comando della Costa Concordia, posizione in cui poteva osservare i movimenti del comandante. Dunque la testimonianza di Dominika potrebbe essere importantissima per la ricostruzione dei fatti di quella disastrosa serata. Intanto si delinea il bilancio delle vittime. Le vittime al momento sono 11, mentre i dispersi risultano ufficialmente 26. Sul versante ambientale invece si fermano le operazioni di svuotamento dei serbatoi della nave, che suscitano preoccupazione da parte del ministro all’Ambiente, Corrado Clini: “C’è già un danno ambientale molto contenuto riguardo i fondali dell’isola del Giglio”. 

Aggiornamento ore 11.20
La ragazza moldava di 25 anni si chiama Domnka Cermotan. Lavora per la compagnia da cinque anni e faceva quindi parte dell’equipaggio. A dichiararlo è lei stessa alle telecamere dell’emittente moldava Journal Tv. La ragazza dichiara che il comandante Schettino ha salvato la vita a migliaia di persone, facendo un lavoro straordinario. I conti con gli inquirenti non tornano. Domnika non risulta registrata sulla nave, dunque bisogna capire a che titolo si trovava a bordo.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©