Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri

Concordia: la nave verrà trasportata a Piombino


Concordia: la nave verrà trasportata a Piombino
08/03/2013, 18:48

GROSSETO - E’ stata accettata la proposta di Clini da parte del Consiglio dei Ministri: il Dipartimento della Protezione civile dovrà adottare tutti i provvedimenti necessari per consentire il trasporto della nave Concordia presso il porto di Piombino. Lì poi sarà effettuato lo smantellamento del relitto. Pare che per portare a termine questa operazione siano già state disposte delle risorse in raccordo con il Ministero dell'economia.
Pronte le dichiarazioni di alcuni parlamentari in merito alla questione.
Michele Anzaldi, Federico Gelli ed Andrea Marcucci hanno dichiarato in una nota: “La scelta di indicare il porto di Piombino come destinazione per lo smaltimento della Costa Concordia non rientra nell'ordinaria amministrazione, ma si tratta di una scelta politica ben precisa. Il Quirinale valuti se il governo dimissionario è nella posizione di poterla prendere. Per poter portare il relitto della Concordia a Piombino occorrono ingenti lavori di adeguamento del porto, che potrebbero durare circa un anno, secondo quanto riportato dalla stampa. Ciò significherebbe che la nave rimarrà almeno fino al prossimo inverno sul mare del Giglio. L'adeguamento di Piombino comporta, inoltre, altissimi costi, si parla di circa 150 milioni di euro. Altro elemento da considerare è il rischio ambientale: scavare per 15 metri in un porto industriale come quello di Piombino significa incontrare chissà quali tipi di rifiuti”.

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©