Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Concorso fotografico: "8 MARZO: (ri)scatti di Pari Opportunità”


Concorso fotografico: '8 MARZO: (ri)scatti di Pari Opportunità”
04/03/2013, 12:55

 

Vico Equense - Concorso fotografico: “8 MARZO: (ri)scatti di Pari Opportunità”, indetto dall’Assessorato alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità del Comune di Vico Equense, per la “Festa Internazionale della donna”, l´iniziativa ha lo scopo di stimolare, attraverso il mezzo fotografico, il dibattito sulla possibilità di incrementare la partecipazione delle donne a tutti gli ambiti di vita sociale, in maniera paritaria, valorizzandone e accogliendone il contributo positivo che sono in grado di dare alla società. Possono partecipare al concorso tutti i residenti nel Comune di Vico Equense e i ragazzi che frequentano le scuole del territorio, singolarmente, oppure in gruppo. La partecipazione è estesa anche a fotografi professionisti. Ogni candidato che intenda partecipare al concorso dovrà far pervenire, i formati fotografici 20x30 cm, entro il 20 marzo 2013 ore 12.00. Le fotografie dovranno avere come tema le pari opportunità di genere, l’eventuale sfondo dovrà essere il paesaggio di Vico Equense. Sono ammesse non più di quattro foto per autore, e in tal caso, le stesse dovranno essere consegnate in busta chiusa, presso il protocollo del Comune di Vico Equense, a mano, accompagnate dal modulo di partecipazione compilato in tutte le sue parti (indirizzato all’Assessorato alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità Comune di Vico Equense, Concorso “8 MARZO: (ri)scatti di Pari Opportunità”) e dalla dichiarazione liberatoria. I documenti sono reperibili presso l’ufficio Politiche Sociali del Comune. “La giuria, - spiega l’Assessore alle politiche sociali, Marinella Cioffi organizzatrice e promotrice dell'iniziativa – composta di undici membri, quattro in rappresentanza del Comune e cinque delle scuole secondarie della città, sceglierà a suo insindacabile giudizio le tre foto vincitrici, che saranno premiate, poi, con una cerimonia pubblica, cui parteciperà l’Amministrazione comunale, le scuole e la cittadinanza.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©