Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

La vicenda risale al 2005

Condannata a 2 anni la vedova di Fortugno per truffa


Condannata a 2 anni la vedova di Fortugno per truffa
06/10/2012, 13:59

LOCRI (REGGIO CALABRIA) - Maria Grazia Laganà, deputata del Pd e vedova di Franco Fortugno - vice presidente del Consiglio regionale calabrese ucciso a Locri il 16 ottobre 2005 - è stata condannata ad una pena di due anni di reclusione con pena sospesa, per i reati di truffa, falso ed abuso. I fatti risalgono al 2005, quando la Laganà era direttore sanitario dell'azienda sanitaria di Locri e venne accusata di aver acquistato beni per 132 mila euro senza bando di gara, sostenendo che si trattava di beni unici e che non potevano essere forniti da altre ditte. 
Le indagini iniziarono nel 2006, ma solo nel 2010 ci fu il rinvio a giudizio per l'ex dirigente sanitario. Ed oggi la condanna in primo grado 
La donna, anche nelle ultime dichiarazioni spontanee rese durante il processo, poco prima della sentenza, aveva dichiarato la propria innocenza ed estraneità ai fatti, dichiarandosi vittima di false accuse. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©