Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Confcommercio: A Corso Garibaldi mascherine per respirare e pesce marcio tra i rifiuti


Confcommercio: A Corso Garibaldi mascherine per respirare e pesce marcio tra i rifiuti
19/07/2011, 17:07

Uno spettacolo poco allettante e soprattutto maleodorante ha tenuto banco questa mattina a Corso Garibaldi (lato via Marina), per i passanti e per i tantissimi che in quella strada sono costretti a transitare usufruendo della Circumvesuviana.

Come segnalato dal presidente del Centro Commerciale di Confcommercio “Passeggiata Garibaldi” Mauro Pantano, infatti, in direzione Porta Nolana il traffico era paralizzato dalla presenza di cumuli di immondizia gettati per strada. La novità consisteva però nel fatto che l’olezzo era terribile in quanto tra i rifiuti vi erano residui del pesce lasciati dagli operatori del vicino mercato rionale, rifiuti che nei giorni scorsi non sono stati ritirati.

“La scena – ha commentato Pantano - era da film : tutti cercavano di coprirsi naso e bocca con un indumento per cercare di filtrare l’aria. Persino i vigili hanno adoperato le mascherine mentre tentavano di coordinare gli automobilisti nella gimcana dei rifiuti, che nel frattempo erano tranquillamente schiacciati dalle auto che continuavano la propria marcia. Non parliamo poi dei turisti che uscivano dalla Circumvesuviana atterriti, insomma la vergogna più totale”.

Una situazione di grave disagio insomma in cui i commercianti continuano a sentirsi abbandonati dalle istituzioni ed i danni economici risultano incalcolabili se aggiunti ad una crisi che non scema.

“In un territorio che prolifera di prostitute a tutte le ore del giorno, barboni e disperati buttati per terra con birra e vino che inscenano mercatini di merce raccolta tra i rifiuti e quant’altro si possa immaginare è veramente difficile fare impresa”, ha affermato, al riguardo, il presidente di Confcommercio Napoli.

“E’ auspicabile – ha replicato infine il presidente Pietro Russo - che il Comune istituisca un tavolo tecnico permanente sulla questione rifiuti che veda l’associazione al fianco delle istituzioni per una più solerte risoluzione dell’emergenza”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©