Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Confcommercio: Presentata a Napoli la “Pizza Garibaldi”, Anita madrina d’eccezione


Confcommercio: Presentata a Napoli la “Pizza Garibaldi”, Anita madrina d’eccezione
21/03/2011, 15:03

“Il mio bisnonno? Amava la mediterraneità e soprattutto Napoli”. Parola di Anita Garibaldi, la pronipote dell’Eroe dei due mondi intervenuta oggi presso la Confcommercio di Napoli e provincia per tenere a battesimo la neonata “Pizza Gairibaldi”, ideata dai pizzaioli aderenti all’associazione nell’ambito delle iniziative previste per celebrare i 150 dell’Unità d’italia.

Accolta dal presidente della Confcommercio napoletana Pietro Russo, la diretta discendente del generale ha ricordato infatti come il suo avo si fosse fermato a lungo in città con i suoi uomini, “andando a vedere non solo il miracolo di San Gennaro ma anche tutti i conventi, per verificare da amante della libertà qual’era se davvero le suore che vi abitavano fossero lì per scelta o per costrizione. E’ bello pensare che un prodotto simbolo della città porti il suo nome”, ha commentato ancora Anita Garibaldi.

“E’ un grande onore per noi tutti come commercianti e come cittadini avere qui oggi Anita, che con grande entusiasmo ha risposto al nostro invito – ha commentato Russo – perché ci unisce evidentemente il comune convincimento che l’Italia sia una sola, come una grande famiglia in cui tutti devono fare la propria parte con entusiasmo”.

La pizza, come ha spiegato il presidente della Fipe cittadina Salvatore Trinchillo, “è il risultato di una selezione molto impegnativa tra le tantissime proposte che ci sono arrivate dai pizzaioli napoletani, e sarà quindi inserita d’ora in poi nei menù di tutti gli esercizi aderenti alla Confcommercio a Napoli e nel mondo. La pizza Garibaldi non è solo gustosa, ma è anche una sapiente miscela di ingredienti tipici del nostro territorio, capace quindi di riassumere in una sola pietanza tutte le nostre peculiarità”.

E non a caso, come ha spiegato quindi il presidente dei ristoratori Fipe Massimo Di Porzio, “il primo ingrediente di questa ricetta è la passione, rossa come il rosso del pomodoro e come le celebri camicie dei garibaldini. E poi naturalmente il bianco della mozzarella di bufala campana ma anche dei formaggi di cui gli uomini di Garibaldi facevano gran consumo durante le loro imprese. Infine il verde del basilico, dei friarielli e delle torzelle ma anche della speranza che noi imprenditori partenopei possiamo finalmente liberarci di questa cappa che opprime il nostro spirito creativo”.

“Uniti nel fare impresa è un messaggio chiaro e forte per sottolineare il ruolo centrale delle imprese e per dare un significato concreto alle celebrazioni di questi giorni – afferma il presidente della Camera di Commercio Maurizio Maddaloni - senza dimenticare i timori derivanti dal federalismo municipale e dal divario esistente tra il Nord e il Sud del nostro Paese”.

Realizzata dal giovane pizzaiolo Paolo Surace, presenti in sala anche Gino Sorbillo ed Enzo Coccia, la pizza Garibaldi è stata accompagnata anche dalla torta per l’Unità d’Italia, un fragrante dolce di pan di spagna e gocce di cioccolato con il rosso delle fragole, il bianco delle pere ed il verde dei pistacchi. Anche in questo caso tutti prodotti italiani.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©