Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sollecitata istituzione di una task force operativa

Confcommercio,degrado zona Stazione centrale di Napoli


.

Confcommercio,degrado zona Stazione centrale di Napoli
12/08/2013, 13:04

NAPOLI - Agosto in città, la crisi morde il freno dell'estate ma non quello della creatività dei napoletani che resta proverbiale in tutto il globo. Ma lí  dove vi sono illeciti e malaffare, lí cova anche il degrado, denunciato in questo periodo un po da tutte le sigle sociali. ''E' necessario intervenire con una task force operativa per eliminare il degrado nella zona della stazione centrale di Napoli che rappresenta il biglietto da visita della città''. E' questo il grido d'allarme lanciato da Pietro Russo, numero uno di Confcommercio imprese per l'Italia della provincia di Napoli. ''Senza voler nostalgicamente rievocare i fasti delle aree commerciali e mercatali di tutta l'area di corso Garibaldi, piazza Garibaldi, corso Umberto I, borgo Sant'Antonio Abate - continua Russo -, occorre constatare che l'intero quartiere è invaso da stracci e rifiuti tirati fuori dai cassonetti e venduti da povera gente che trae profitto da queste mercanzie, senza alcun controllo da parte delle forze dell'ordine e della polizia sanitaria. Purtroppo queste sono le scene a cui sono costretti ad assistere sia i cittadini ma soprattutto i turisti che sono in transito da stazione centrale, metropolitana, circumvesuviana e aeroporto. Una immagine davvero surreale''. ''Intanto, poco distante, piazza Leone - denuncia ancora Confcommercio - viene costantemente abbandonata con i rifiuti che sovrastano i cassonetti e svolazzano nella brezza pomeridiana agostana, senza che qualche diligente responsabile della raccolta dei rifiuti solidi urbani possa provvedere ad organizzare una seppur semplice operazione di pulizia delle strade''. ''Passano gli anni e siamo costretti ancora una volta a denunciare il rovinoso abbandono di un'intera zona delimitata da due grandi porte: Porta Nolana e Porta Capuana. Sì, perché in queste condizioni tenere aperto un negozio e pagare imposte e tasse come se ci si trovasse a via Calabritto a Napoli o a via Montenapoleone a Milano è solo pura resistenza, spirito di abnegazione e e talvolta ostinata follia''.


Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©