Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il comune di Sant'Arpino premia la coragiosa partenopea

Conferita medaglia d'oro a Maria Luisa Mazzarella


Conferita medaglia d'oro a Maria Luisa Mazzarella
03/07/2009, 16:07

La Giunta del Comune di Sant’Arpino ha appena deliberato di di conferire la medaglia d’oro “alla giovane figlia della nostra terra aversana Maria Luisa Mazzarella, ringraziandola in tal modo per il suo gesto eroico e segnatamente per aver messo a rischio la propria stessa vita in difesa di un coetaneo vittima della violenza omofoba”. Così recita la delibera che peraltro verrà inviata in copia anche al Presidente della Repubblica e alle principali istituzioni campane.
Iniziativa promossa direttamente dal Sindaco di Sant’Arpino Eugenio Di Santo e dell’assessore Elpidio Iorio che, tra l’altro, aderiscono alla petizione rivolta al Capo dello Stato per conferire alla giovane una benemerenza civile.

Nella delibera inoltre è scritto che si ritiene: “necessario condannare senza mezze misure l’aggressione omofoba perpetrata ai danni di Marialuisa che con raro coraggio ha contrastato il vergognoso atteggiamento dei balordi, indegno di una società civile. Un preoccupante segno di intolleranza che colpisce profondamente la nostra comunità campana la cui storia e cultura da sempre è stata caratterizzata da azioni contro l’omofobia e per il rispetto delle diversità”.

E continua considerando che è: “opportuno valorizzare il gesto di Maria Luisa Mazzarella, figlia della nostra terra aversana, affinché diventi un riferimento per tantissime altre persone che vivono in un contesto sociale in cui si moltiplicano gli atti di violenza dettati dall’odio nei confronti di cittadini con un differente orientamento sessuale e che spesso si consumano nell’indifferenza generale di coloro che vi assistono”. La nostra conterranea è stata vittima dell’ignoranza, della violenza, del pregiudizio semplicemente perché ha cercato di difendere un amico gay dagli insulti omofobi.”

La decisione è stata presa con l’unanimità della giunta.

In sostanza, quello di Sant’Arpino è il primo riconoscimento ufficiale da parte delle pubbliche istituzioni e che segna una svolta decisa nell’eventuale conferimento da parte del Capo dello Stato di una benemerenza civile. Un piccolo ma significativo passo in quanto si tratta di un riconoscimento ottenuto dalla gente comune.

Fonte: gaynews24.com

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©