Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Confesercenti. Pollini, tolleranza zero contro gli episodi criminali


Confesercenti. Pollini, tolleranza zero contro gli episodi criminali
03/08/2010, 16:08

“La Confesercenti provinciale di Caserta è solidale con la vicepresidente dell’associazione rimasta vittima ieri sera di una rapina all’interno del suo esercizio commerciale ad Alife. Basta con episodi simili nel nostro territorio. Ora andremo avanti ancora con più convinzione per affermare il principio di legalità da noi sempre perseguito”. A parlare è il presidente della Confesercenti Maurizio Pollini all’indomani del gravissimo atto criminale che ha visto protagonista la presidente della Confesercenti di Alife nonché vicepresidente provinciale dell’associazione Angelica De Cristofano.
Pollini sottolinea che “il problema della criminalità e conseguentemente della sicurezza delle strutture commerciali è di grande attualità e vi è sempre più l’esigenza diffusa degli operatori economici di aumentare la soglia di sicurezza dei propri esercizi commerciali anche attraverso l’adozione di strumenti tecnologicamente avanzati”. Da qui anche la convenzione stipulata poco più di un mese fa con l’azienda Securshop per il servizio di videosorveglianza. “Si tratta – sottolinea Pollini - di una misura di prevenzione e controllo utile e che concorre a dare maggiore sicurezza agli esercenti ed in generale a tutti coloro che operano nei settori del commercio e del turismo e che vede come partner la Prefettura, la Questura e i Carabinieri”.
Il presidente della Confesercenti provinciale, dunque, conclude: “Sicurezza e legalità sono i punti sui quali la nostra associazione è impegnata da tempo affinché Terra di Lavoro possa emergere per le proprie eccellenze positive. Le nostre imprese – insiste Pollini – hanno il diritto di operare in sicurezza con la consapevolezza di svolgere la propria attività lavorativa perseguendo la cultura della legalità e quanto è accaduto ad Alife è da condannare in quanto rappresenta un duro colpo alla categoria”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©