Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Confida all'amica dov'è la cassaforte di casa e lei le fa svaligiare la casa


Confida all'amica dov'è la cassaforte di casa e lei le fa svaligiare la casa
10/10/2012, 17:20

L’aver confidato esclusivamente ad un’amica, dove nascondeva i gioielli di valore, all’interno della sua abitazione caprese, ha fatto da subito ricadere i sospetti nei confronti di una donna di 40 anni, R.S., denunciata in stato di libertà dagli agenti del Commissariato di P.S. “Capri”, perché responsabile, in concorso con altri, di furto aggravato in abitazione.  

I fatti risalgono ad una decina di giorni orsono, allorquando è stato consumato un ingente furto in un’abitazione sull’isola di Capri.

I ladri, utilizzando un duplicato delle chiavi e quindi senza commettere alcuna effrazione, riuscivano ad introdursi nell’abitazione della vittima, riuscendo a sradicare dal muro l’intera cassaforte, contenente la somma di €.220.000 in contanti.

Inoltre, dopo aver rovistato nella cameretta della figlia della vittima, riuscivano ad impossessarsi di diversi gioielli e preziosi per un valore di circa  30.000€, custoditi in alcuni giubbini riposti nell’armadio e della somma di €.150,00 contenuta in un cassetto del comodino.

L’aver rovistato esclusivamente nella stanza della figlioletta della vittima, l’essere andati a colpo sicuro nell’impossessarsi della cassaforte contenente l’ingente somma di denaro, essersi introdotti nell’abitazione senza scassinare nulla, non aver rovistato affatto nella camera da letto, sono tutti indizi che hanno fatto concentrare le indagini dei poliziotti, già nel corso del sopralluogo, nei confronti di persone che erano solite frequentare l’abitazione, proprio per le modalità usate.

L’aver nascosto i gioielli nei giubbini, inoltre, è stata una confidenza che la vittima aveva fatto ad una sola amica che, conoscendola bene, era anche l’unica in grado di poter riferire circa i suoi spostamenti da casa.    Sono in corso ulteriori indagini circa l’identificazione dei materiali ladri.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©