Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sentenza dice che decide il giudice ordinario

Conflitto di attribuzione sul caso Ruby: la Cassazione la vanifica


Conflitto di attribuzione sul caso Ruby: la Cassazione la vanifica
04/03/2011, 15:03

ROMA - Una coincidenza, probabilmente; i maliziosi potranno trovare una cosa voluta. Fatto sta che, come riporta oggi il Sole24Ore, la Corte di Cassazione in una recente sentenza stabilisce che è compito del magistrato ordinario decidere se il reato ha natura ministeriale; e nel caso in cui non la abbia, il Pubblico Ministero può proseguire senza dover chiedere l'autorizzazione a procedere alla Camera di appartenenza dell'indagato.
In pratica, la sentenza smonta tutto quello che è stato detto dal Pdl in quetsi ultimi tempi. Innanzitutto, non c'è alcun conflitto di attribuzione: le votazioni del Parlamento non possono influenzare l'attività della magistratura. Inoltre sul reato di concussione non c'è alcuna competenza del Tribunale dei Ministri, come vuole il Pdl, dato che il Pm ha deciso diversamente. Se agli avvocati del premier questo non sta bene, sono liberissimi di sollevare la questione alla prima udienza, come prevede il Codice Penale; ove il Tribunale non fosse d'accordo, possono anche fare ricorso in Cassazione. Ma la Corte Costituzionale, se si attiene a questo indirizzo (che poi non è altrio che l'applicazione delle norme del Codice Penale, ndr), non potrà che respingere l'eventuale ricorso che il Pdl sta organizzando, perchè non competente in materia

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©