Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Congresso Associazione Luca Coscioni, il bilancio di Smiroldo


Congresso Associazione Luca Coscioni, il bilancio di Smiroldo
20/10/2009, 12:10


"Il mio intervento in occasione del settimo Congresso dell'Associazione Luca Coscioni tenutosi sabato scorso nella città di Udine, ha riscosso l'approvazione dei convenuti e ha gettato le basi per una futura collaborazione con l'Italia dei Diritti per le battaglie su laicità, testamento bologico e diritti civili degli individui". Con questa frase Luigino Smiroldo, responsabile per il Friuli Venezia Giulia dell'Italia dei Diritti, ha espresso tutta la sua soddisfazione per l'interesse suscitato dalla sua prolusione al meeting di Udine, dov'è intervenuto in sostituzione del presidente Antonello De Pierro, auspicando una maggiore sensibilizzazione da parte dell'opinione pubblica sulle tematiche che hanno ad oggetto il fine vita. "Nel corso della giornata, durante il mio turno di parola - ha continuato Smiroldo - ho citato una frase del filosofo Rousseau che definisce la libertà non come la possibilità di fare ciò che si vuole, bensì come il non dover fare ciò che non si vuole venga fatto. E' il principio di autodeterminazione dell'individuo che deve essere tutelato, in quanto la vita è un dono meraviglioso e personale che è conferito ad ognuno di noi come legale rappresentante di se stesso. Pertanto ritengo e ribadisco che nessuno possa arrogarsi il diritto di interferire e modificare una volontà espressa e sottoscritta. In tandem con il nostro presidente, che è intervenuto inviando un messaggio da me letto, ho tenuto a rimarcare il mio no deciso alla sofferenza evitabile e ad ogni forma autoritaria di intromissione nel libero dispiegarsi delle decisioni individuali. Spero che Udine, dove tra l'altro la famiglia Englaro ha finalmente trovato un sollievo alle sue ventennali tribolazioni, sia un punto di partenza per una nuova stagione di libertà".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©