Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma il Pm vuole la sua assoluzione nel processo

Consigliere comunale leghista rapinava prostitute per mandarle via


Consigliere comunale leghista rapinava prostitute per mandarle via
12/05/2010, 13:05

BERGAMO - Sta per arrivare a sentenza un processo molto particolare, che vede imputato un ex consigliere comunale di Cologno al Serio, comune in provincia di Bergamo. Felice Cogliati, 63 anni, deve rispondere di numerose rapine fatte ai danni di prostitute; rapine fatte non per i soldi, ma per cacciarle via. Infatti è emerso che ci sono state rapine alquanto anomale: in un caso, per esempio, a gennaio, si è fatto dare tutti i vestiti dalla prostituta rapinata e se li è portati via, lasciandola nuda nel mezzo di una nevicata; in un altro caso, dopo averne rapinata un'altra, le ha buttato addosso della benzina, minacciandola di darle fuoco, se fosse rimasta, e così via. Il tutto è avvenuto tra il 2005 e il 2006, dopo che Cogliati aveva perso una elezione comunale, in cui si era presentato come candidato sindaco per la Lega Nord. In effetti le sue rapine potevano anche continuare, dato lo scarso interesse mostrato dalla Polizia e dalla magistratura locale per i reati commessi contro gli extracomunitari, se non fosse stato che l'uomo aveva deciso di puntare anche il sindaco eletto a Cologno al Serio. Così cominciò un'attività di molestie, culminata con un video erotico diffuso in Internet, con sottotitoli che ringraziavano il sindaco per la presenza delle prostitute extracomunitarie. Da qui sono partite le indagini che portarono alla denuncia dell'uomo e al processo, che ora è in dirittura di arrivo (la sentenza è prevista per l'8 giugno). E' stata fatta anche una perizia psichiatrica all'uomo, che ha appurato una parziale incapacità di intendere e di volere (cosa che gli frutterà uno sconto di pena pari a due terzi). Perizia che è stata contestata dal Pm, che ha chiesto il riconoscimento della totale infermità mentale e la condanna a due anni di ospedale giudiziario. Questa scelta probabilmente impedirebbe il pagamento del risarcimento chiesto da due delle vittime dell'uomo, pari a 15 mila euro a testa, oltre ai 20 mila euro chiesti dal sindaco di Cologno.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©