Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In riferimento al rapimento di Abu Omar

Consulta: i magistrati hanno violato il segreto di Stato


Consulta: i magistrati hanno violato il segreto di Stato
12/03/2009, 09:03

La Corte Costituzionale ha accolto solo parzialmente i tre ricorsi effettuati dai governi Prodi e Berlusconi sulla "extraordinary rendition" di Abu Omar (cioè il sequestro del cittadino egiziano, fatto dalla CIA con la complicità dei servizi segreti e dei Carabinieri italiani, allo scopo di poterlo torturare per mesi, in sprezzo della Costituzione italiana; dopo di che, riconosciuto il fatto che era completamente innocente, è stato rilasciato). In particolare ha determinato la nullità di due prove: un documento sequestrato a Pio Pompa senza gli omissis apposti dai servizi segreti (documento che comunque è già stato sostituito dalla Procura con quello omissato); e l'incidente probatorio di Luciano Pironi, il Carabiniere del ROS accusato di avere collaborato direttamente nell'operazione (anche se resta agli atti l'interrogatorio di garanzia sostenuto dallo stesso). Inoltre è stato posto il divieto durante il processo di fare domande sui rapporti tra i servizi segreti italiani e quelli statunitensi. Viceversa, sono stati respinti i controricorsi della Magistratura di Milano: inammissibile quello del Tribunale che sosteneva che non si poteva opporre il segreto di Stato, trattandosi di atto eversivo dell'ordine istituzionale; non accolto quello del Giudice Oscar Magi, che chiedeva l'annullamento della nota del novembre 2008, con cui il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ordinava a tutti gli agenti ed ex agenti del SISMI chiamati davanti al Giudice di non rispondere alle domande dei magistrati.
Naturalmente, per vedere esattamente i perchè e i percome, bisognerà aspettare le motivazioni della sentenza. Ma una cosa si può dire: non dubito che la Corte abbia avuto i suoi buoni motivi per decidere così. Ma mi sento a disagio, a sapere che io posso essere rapito, mentre cammino per strada per i fatti miei, da un gruppo di agenti CIA e torturato, senza che io abbia fatto niente, sapendo poi che la nostra Corte Costituzionale e il nostro governo vanno a dire "Bravi" a coloro che l'hanno fatto. Perchè questo è successo ad Abu Omar, e questo può accadere ad ogni cittadino che vive in Italia.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©