Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Oggi la decisione che può cambiare la società italiana

Consulta: il governo si oppone al matrimonio gay


Consulta: il governo si oppone al matrimonio gay
23/03/2010, 11:03

ROMA - Questo può essere un grande giorno, per il tessuto sociale italiano. Per la prima volta, la Corte Costituzionale dovrà decidere sulla costituzionalità della legge sul matrimonio civile e dire se rispetta l'articolo 3 della Costituzione. Infatti, l'articolo 3 dichiara che non ci sdevono essere discriminazioni, mentre la legge sul matrimonio civile una discriminazione la fa: ammette il matrimonio solo tra un uomo ed una donna. Per questo alcune coppie gay di Venezia e di Trento hanno portato il loro caso, per il divieto opposto dall'ufficiale giudiziario nel fare le pubblicazioni. Inutile sottolineare che, ove la Consulta accettasse questa tesi, significherebbe che anche i gay possono sposarsi liberamente.
Nell'udienza tenuta stamattina, in cui si è discusso l'argomento, era presente anche l'Avvocatura dello Stato, costituitasi in giudizio per conto della Presidenza del Consiglio. Secondo loro, l'approvazione del matrimonio gay creerebbe una "manipolazione del tessuto legislativo, compito che spetta al solo legislatore". Peccato che se il legislatore non rispetta la Costituzione, qualcosa bisogna pur fare, no?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©