Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CONTI LIECHTESTEIN: 390 INDAGATI, COINVOLTE ANCHE DUE FONDAZIONI


CONTI LIECHTESTEIN: 390 INDAGATI, COINVOLTE ANCHE DUE FONDAZIONI
26/03/2008, 18:03

390 persone. Sono gli iscritti nel registro degli indagati, da parte della procura di Roma, per i conti correnti del Liechtestein. Sulla vicenda indagheranno 37 procure, compresa quella della Capitale.

Gli atti sulle posizioni sono partiti oggi. La maggior parte delle posizioni, oltre 100, riguardano Milano, seguono Roma (circa 60), Bolzano (40) e Firenze (20). Pochissimi i casi di persone residenti nel sud Italia, tranne due napoletani. I reati ipotizzati nei confronti degli indagati sono “la infedele e la omessa dichiarazione dei redditi”, espressamente previsti negli articoli 4 e 5 della legge n.74 del 2000 in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto. I fatti presi in esame risalgono ad un periodo che termina nel 2002. Dunque sono a rischio prescrizione, perché decadono in sette anni e mezzo. Le somme depositate nel Liechtenstein variano da un minimo di 200 mila euro ad un massimo di 400 milioni di euro.

Tra i presunti evasori fiscali indicati nella lista di titolari di conti nel Liechetnstein ci sono anche due fondazioni. Gli altri, secondo quanto si è appreso, sono soggetti fisici e soltanto una ventina non sono stati ancora compiutamente identificati. Le indagini sono coordinate dal procuratore Giovanni Ferrara, dall'aggiunto Pierfilippo Laviani e dal sostituto Mario Dovinola.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©