Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Contrabbando sigarette a Napoli, l'allarme lanciato da Noi Consumatori


Contrabbando sigarette a Napoli, l'allarme lanciato da Noi Consumatori
06/02/2012, 12:02

"In Campania e soprattutto nella periferia di Napoli il contrabbando di sigarette è un fenomeno purtroppo sempre più diffuso. Le sigarette di contrabbando, che nella maggior parte dei casi provengono dalla Cina e dalla Polonia, oltre ad essere illegali sono anche estremamente pericolose più di quelle, comunque mortali e nocive, che si vendono dal tabaccaio, perché la loro composizione non è chiara e riconosciuta e quindi potrebbero contenere tabacco non trattato o sostanze ancora più nocive”. E' l'allarme lanciato dall’avvocato Angelo Pisani, presidente dell’associazione Noi Consumatori, che denuncia i rischi legali all’espansione del fenomeno del contrabbando di sigarette a Napoli. “Il problema - dichiara Pisani - è che spesso le persone che vivono in condizioni economiche precarie e disagiate cercano di risparmiare sul prezzo delle sigarette, soggetto a continui aumenti, che già oggi ha raggiunto cifre stellari, non preoccupandosi purtroppo di quello che realmente fumano. In questo modo il danno è doppio. Da un lato si sottopone la propria salute ad un pericolo non più consapevole, come accade quando si comprano le sigarette in tabaccheria, ma sconsiderato che potrebbe provocare danni ancora più repentini e gravi al corpo umano, dall’altro lato il commercio illegale non fa altro che rimpinguare le casse della camorra che in questo modo trova un ulteriore punto di forza e di guadagno invadendo sempre di più Napoli e tutti i nostri territori”. “Premesso che la soluzione migliore è quella di smettere di fumare come testimoniano le numerose campagne antifumo – continua Pisani - ,chiediamo, in virtù anche dei blitz che si sono registrati in questi giorni, maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine e più consapevolezza e senso di responsabilità da parte dei fumatori. Le conseguenze possono essere devastanti non solo per la singola persona ma per l’intera società”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©