Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E’ il primo corpo di Polizia nella provincia di Salerno

Contro i furti di veicoli la Polizia Locale di Nocera si equipaggia con il sistema wireless ad alta frequenza LoJack


Contro i furti di veicoli la Polizia Locale di Nocera si equipaggia con il sistema wireless ad alta frequenza LoJack
14/10/2009, 11:10


Nel 2008 in Campania sono state rubate 24.748 auto, 6.698 moto e 4.202 ciclomotori. Nella sola provincia di Salerno sono 2.877 le automobili sottratte ai legittimi proprietari. Per far fronte a questo fenomeno e per tutelare maggiormente i propri cittadini, la Polizia Locale di Nocera Inferiore è la prima in tutta la provincia di Salerno ad equipaggiarsi con il sistema wireless ad alta frequenza LoJack per rintracciare e recuperare i veicoli rubati che sono dotati di questo sistema. Il sistema LoJack è un sistema che funziona attraverso le onde radio e sfrutta una rete di antenne che copre tutto il territorio nazionale (non è un satellitare); nella vicina Napoli e Provincia è già operativo e ha consentito di ritrovare diverse auto rubate, permettendo alle Forze dell’Ordine di scoprire i nascondigli di alcune bande criminali.

Come funziona il sistema LoJack:

Sulle pattuglie della Polizia Locale di Nocera Inferiore sono state installate gratuitamente le speciali unità “Vehicle Tracking Computer” (VTC) LoJack, che permettono di rintracciare i veicoli rubati dotati del sistema LoJack, seguendo il segnale emesso dall’apposito dispositivo nascosto al loro interno. In caso di furto, un piccolo trasmettitore a radio frequenza emette un segnale silenzioso che può essere ricevuto anche se il veicolo si trova all’interno di garage sotterranei o container, a differenza degli altri sistemi presenti sul mercato. Il segnale è rilevato direttamente dalle pattuglie delle Forze dell’Ordine che possono così seguire in tempo reale il mezzo e ritrovarlo velocemente. Il sistema LoJack ha una percentuale di successo del 90% e tempi medi di recupero entro le 24 ore.
“La regione Campania è la seconda più colpita in Italia per numero di auto rubate, preceduta solo dal Lazio. In generale però, il meridione è purtroppo un’area che ha un tasso di furti tra i più alti in Europa (dati Europol 2008). Il sistema LoJack in tutte le parti del mondo dove è stato adottato ha portato ad una sensibile riduzione di questo fenomeno, consentendo alle Forze dell’Ordine di poter contare su uno strumento che colpisce direttamente il crimine e ai cittadini di usufruire di un dispositivo sicuro che salvaguardia un bene primario come la propria auto o moto” ha dichiarato Sandro Biagianti – Direttore della Sicurezza LoJack Italia.

I vantaggi del sistema LoJack

Il sistema LoJack è utilizzato dalle Forze dell’Ordine degli Stati Uniti e in più trenta paesi in tutto il mondo; nel corso della sua storia ha permesso di ritrovare oltre 250.000 veicoli, permettendo alle Forze dell’Ordine di colpire direttamente l’intero apparato criminale. Questo è possibile perchè il dispositivo LoJack è perfettamente nascosto all’interno dei veicoli e la tecnologia a radio frequenza – a differenza dei sistemi satellitari - non presenta segnali esterni visibili, quali led luminosi o antenne. Il sistema è quindi impossibile da individuare ed è grazie alla sua rapidità d’azione che le Forze dell’Ordine riescono spesso a bloccare i responsabili del furto ancora a bordo, ignari di essere sotto controllo. La tecnologia a radio frequenza, inoltre, funziona anche se il veicolo viene nascosto in rimesse sotterranee o in box schermati e questo consente alle Forze dell’Ordine di arrivare direttamente ai nascondigli delle organizzazioni criminali.
I cittadini che decidono di equipaggiarsi con il sistema LoJack possono usufruire di sconti sulle polizze furto/incendio che possono arrivare fino al 70%.
In Italia il sistema LoJack è già utilizzato da oltre 500 pattuglie delle Forze dell’Ordine.
Tra i comandi di Polizia Municipale/Locale che lo hanno adottato si possono citare per grandezza i comuni di: Napoli, Alessandria, Padova, Trento, Frosinone, Teramo, Bari, Novara, Catanzaro e Ancona.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©