Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In ogni diocesi banche dati per eventuali casi di violenza

Contro la pedofilia la Cei pensa a sportelli per le denunce


Contro la pedofilia la Cei pensa a sportelli per le denunce
23/05/2011, 10:05

Contro il fenomeno della pedofilia nel clero, la Cei sta pensando di istituire degli sportelli in ogni diocesi e di realizzare una banca dati per le denunce. Sarà proprio il cardinale Angelo Bagnasco ad aprire l'assemblea generale dei vescovi italiani per affrontare il tema dell'antipedofilia. La banca dati servirà a tenere sotto controllo eventuali casi di pedofilia nelle diocesi italiane.
La Santa Sede ha indicato nel testo inviato alla Cei le linee guida del progetto. "Ogni vescovo ha il dovere di assicurare la protezione dei bambini e dei giovani, assicurando ambienti sicuri anche con l'utilizzo di organi consultivi di sorveglianza e di discernimento dei singoli casi", si legge.
I punti cardini del progetto sono: "Ascolto, accoglienza delle vittime e dei familiari, programmi di prevenzione, educazione dei seminaristi e formazione permanente del clero, trasparenza e cooperazione con le autorità civili".

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©