Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo la denuncia via web dei comitati

Controlli a Cava Sari, ecco il punto della Forestale

A chiarire le idee il Comandante Vincenzo Stabile

Controlli a Cava Sari, ecco il punto della Forestale
24/01/2011, 14:01

Napoli - Il Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato, attualmente impegnato nello svolgimento di una delega d’indagine disposta dalla Procura della Repubblica di Nola in merito ad aspetti di natura giuridico-ambientale riguardanti la Cava Sari, ritiene di dover effettuare delle precisazioni relativamente ad una notizia apparsa nei giorni scorsi sul WEB diffusa da media locali .
Nella prima parte della notizia verrebbe lamentato, da parte di comitati cittadini che presidiano l’ingresso della discarica di Cava Sari, l’assenza dei Forestali a controllo delle operazioni di conferimento regolare dei rifiuti.  A tal proposito si evidenzia che tale tipo di incarico, cioè controllo all’interno della discarica, è stato effettuato nell’ambito di un circoscritto limite temporal, così proprio come disposto dalla Procura della Repubblica di Nola, ovvero dal 18-nov-2010 al 05-dic-2010.
Tale tipo di attività, che prevedeva la verifica all’interno del sito tutte le operazioni di scarico dei rifiuti solidi urbani e dunque sulla regolare gestione della discarica relativamente ai conferimenti massimi consentiti, alla provenienza degli autocompattatori ( solo comuni del vesuviano), ai lavori inerenti il trattamento dei rifiuti ( idonea copertura, depurazione del percolato, recupero e smaltimento, presso altri siti delle eventuale parte di liquido restante) è stato svolto nella piena osservanza delle disposizioni della Procura citata, ed i relativi dati acquisiti sono stati ovviamente trasmessi agli uffici Giudiziari competenti.
-Una seconda osservazione critica era relativa ad una presunta omissione, sempre da parte del Corpo Forestale, in merito all’inosservanza di quanto contenuto nell’ordinanza n.01/R/10 emessa dall’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, ovvero circa il mancato ripristino dello stato dei luoghi .
A tal proposito ancora si sottolinea che : la citata ordinanza è stata inviata, ( non intimata,) al Corpo Forestale al fine di notificare la stessa ai destinatari dei provvedimenti in essa contenuti, ovvero all’Assessorato Ecologia Tutela dell’ambiente e disinquinamento della Regione Campania ; alla SAPNA Sistema Ambiente Provincia di Napoli S.p.A. ; al Consorzio ASIA Napoli ; ed infine alla ECODECO srl .
Tale atto è stato regolarmente notificato dal CFS agli interessati, così come richiesto dall’Ente Parco, e nessuna ulteriore richiesta in merito è stato formulata dal citato Ente , in quanto appare anche superfluo evidenziare che il Corpo Forestale quale forza di Polizia dello Stato non ha alcuna competenza in merito alle attività di bonifica che spettano ovviamente ad altre Istituzioni.
Il Comandante Provinciale del CFS di Napoli Dott Vincenzo Stabile ed Il Commissario Capo Dott. Russo Marcello, responsabile del NIPAF del Comando Provinciale CFS di Napoli,colgono l’occasione per evidenziare che comunque l’attività delegata dalla Procura della Repubblica di Nola è ancora in corso, e lo svolgimento segue una procedura investigativa-operativa indacata opportunamente dall’Autorità Giudiziaria .

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©