Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Convention di nefrologi al s. Anna e s. Sebastiano di Caserta


Convention di nefrologi al s. Anna e s. Sebastiano di Caserta
09/11/2011, 11:11

L’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta ha ospitato, per iniziativa della dott.ssa Ludovica D’Apice, direttore della U.O.C. di Nefrologia, in stretta sintonia col Direttore Generale, dr. Francesco Bottino, una riunione di nefrologi ospedalieri e universitari, responsabili delle Unità Operative della Regione tra cui, il prof . Giovanbattista Capasso, Presidente della Società Italiana di Nefrologia.
L’intento è stato quello di mettere intorno allo stesso tavolo gli operatori del settore per un esame delle criticità e cercare di dare risposte univoche alle necessità dei pazienti con insufficienza renale cronica. Del resto, nell’attuale, difficile contesto economico sorge l’obbligo per i tecnici di un settore di offrire soluzioni a chi è deputato a decidere sull’uso dei fondi.
Nella riunione, il dr. Walter De Simone, direttore della U.O.C. di Nefrologia del “Moscati” di Avellino, ha illustrato l’iter della richiesta, già avanzata da una commissione di nefrologi, di una legge regionale di istituzione del registro di dialisi e trapianto.
Eventualmente approvata, questa legge – hanno sostenuto i nefrologi- rappresenterà un grosso risultato sulla via di una precisa programmazione con l’apporto costruttivo di una commissione di nefrologi.
La legge n. 16 del 28 novembre 2008, stabilisce le misure straordinarie di razionalizzazione dei fondi per il rientro dal disavanzo e indica in 3,4 il numero di posti letto di nefrologia ogni 100mila abitanti.
In base al parametro regionale ed alla popolazione, in Regione Campania non tutte le provincie, fra cui Caserta, rientrano in questo parametro. I nefrologi riuniti hanno convenuto che si rende, quindi, necessaria la massima attenzione alla Nefrologia in Campania ed in particolar modo alla Provincia di Caserta, assicurando i livelli essenziali di assistenza.
L’obiettivo – hanno aggiunto gli specialisti di Nefrologia – è quello di creare una adeguata rete assistenziale che integri l’ospedale con il territorio e stabilisca un processo assistenziale nefrologico che spazi dall’esame delle urine al trapianto e, soprattutto, sia in grado di dare risposte certe e di qualità ai pazienti del territorio del Sistema Sanitario della Regione Campania.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©